Translate

giovedì 14 aprile 2011

L’AMBASCIATA DI TUNISI NON ACCREDITA IL "CORRIERE DI TUNISI": LA DENUNCIA DELLA DIREZIONE

TUNISI (aise) - Dalla Direzione del "Corriere di Tunisi" denuncia l’esclusione della testata in lingua italiana dai giornali accreditati dall’Ambasciata al recente punto stampa svolto a Tunisi con il Premier Berlusconi e il Ministro dell’interno Maroni.

"Il Corriere di Tunisi è l'unica testata redatta in lingua italiana pubblicata nel Sud del Mediterraneo che vanta una pubblicazione ininterrotta dal marzo del 1956. Diretta da Elia Finzi, il giornale resiste malgrado le difficoltà, cercando di diffondere un'espressione italiana da un punto di vista culturale, politico, economico.

Attento alle politiche migratorie ed ai rapporti euro-mediterranei, il giornale da quasi 60 anni cerca di dare voce e senso al potenziamento del dialogo tra la sponda sud e nord del Mediterraneo. Espressione della collettività italiana in Tunisia e dei tanti italofoni presenti sul territorio, ha sempre dato ampio spazio nelle sue colonne alle iniziative culturali e diplomatiche credendo ed operando per il potenziamento dei rapporti bilaterali Italia-Tunisia. Il Corriere dalla sua creazione si adopera per far conoscere la Tunisia agli italiani e l'Italia ai tunisini.

Se ha dovuto per molti anni farsi discreto sul regime tunisino ed in particolare sulla figura del suo ex presidente, oggi nel contesto rinnovato del paese e con una maggiore libertà di stampa si poteva sperare che il Corriere potesse avere un ruolo più effettivo in materia di informazione e diventare la tanto auspicata cassa di risonanza della nuova realtà tunisina.

Ed il Corriere sta cercando di adoperarsi in questo senso.

Oggi (lunedì, ndr) in Tunisia abbiamo la visita del Presidente del Consiglio Berlusconi e del Ministro dell'Interno Maroni per discutere con il governo tunisino la possibilità di rimpatrio degli emigrati sbarcati a Lampedusa.

L'Ambasciata Italiana di Tunisia ha fornito una lista di giornalisti accreditati per il punto stampa nella quale però non figura il nostro giornale. Semplice dimenticanza, disinteresse o esclusione?". (aise)

29 commenti:

  1. Opperbeccoperdindirina! Esiste un'Ambasciata d'Italia a Tunisi??? Ma per favore...

    RispondiElimina
  2. In effetti ci rappresentiamo molto meglio da soli, non abbiamo bisogno di 4 funzionari strapagati che l'unica cosa che difendono sono i loro interessi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a giudicare semplicemente da questo blog becero credo che non diate una buona impressione dell'italia e soprattutto degli italiani;ma purtroppo non e' colpa vostra perche' noi italiani siamo cosi' ed e' proprio per questo che esiste un'ambasciata per risollevare il nostro paese e per controbilanciare la vostra ignoranza ! Un organo importante dell'ambasciata italiana di Tunisi.

      Elimina
  3. Forse il barbiere ha stilato la lista dei giornalisti?

    RispondiElimina
  4. Se non invitano neanche l'unico organo di stampa italiano in Tunisia siamo arrivati alla frutta, tra l'altro il giornale esiste dal 1956...Dire che si sono dimenticati del giornale o che si ignorava la sua esistenza non sono di certo giustificazioni valide.

    RispondiElimina
  5. Sicuramente Finzi avrà litigato con Nigro... sapete, quest'ultimo dice alle persone che per fare ogni cosa in Tunisia bisogna passare nel suo ufficio...

    RispondiElimina
  6. ED IL BLOG...è STATO INVITATO?

    RispondiElimina
  7. e perchè mai dovremmo andarci??? Mica siamo un giornale...

    RispondiElimina
  8. e perchè invitare dei ragazzini che scopiazzano qui e li',siete giornalisti?no,pubblicisti?no.Ah si si una cosa la fate e la fate bene sparlare ciao ragazzini

    RispondiElimina
  9. Nessuno ha mai detto che siamo giornalisti... E nessuno ha mai negato che la maggior parte degli articoli é stato preso da alcune testate giornalistiche ( ecco perchè alla fine di ogni articolo c'è scritto da dove è stato preso).

    Poi... Noi non sparliamo, se hai un briciolo di fegato chiama il corriere di tunisi e vedi se è vero o falso...
    Ah, cosa molto importante, noi alle notizie e ad ogni articolo ci mettiamo il nostro nome e cognome sarebbe facile fare come te in modo anonimo. Tutti son bravi a parlare in modo anonimo. Ma fammi il piacere, dai!

    RispondiElimina
  10. Visto che siamo ragazzini e sparliamo non dovresti neanche preoccuparti di noi, giusto? tanto cosa possiamo fare?? invece commenti pure, poverino hai paura della verità? quale sarà la tua prossima mossa? chiamare la mammina e dire che siamo cattivi??

    RispondiElimina
  11. mamma mia che duro questo paolino paperino....ogni volta insulta e mostra i muscoli!! Che cattivello........in breve e solo a livello cronologico:
    1)intervista del padre su la presse...2 giorni dopo smentita dell'ambasciata
    2)compaiono diversi articoli riguarda festini con un precedente ambasciatore (con relativo nome), articolo sparito dopo 2 giorni
    3)insulti gratuiti e rischio di denuncia dalla famiglia nigro; dopo 3 giorni di bagarre chiede scusa e con la coda tra le gambe sta zitto per 15 giorni
    4) organizza manifestazione per il 14 gen...scappa lo stesso giorno e va a roma! Il computer della dogana registra il passaggio la mattina alle ore 07.54...manifestazione annullata causa zero partecipazione
    5)50.000 visite grazie ad un software che si può scaricare in internet (cercate in google) che la notte o ad ore programmate con algoritmo di fa aumentare le visite
    6)attacco frontale alla scuola italiana ed in particolare al preside poichè con difficoltà tenta di mettere ordine all'interno della stessa
    7)20.000 italiani in Tunisia; non se ne parla più dei numeri detti a casaccio senza alcun valore e riferimento ufficiale.

    E' evidente a tutti che il bulletto di quartiere è un MINKIONE!!!

    salutami francuzzo mio

    RispondiElimina
  12. 1) Intervista sulla presse da un giornalista che di sua iniziativa ha scritto " rappresentante degli italiani in Tunisia" dato che in un intervista precedente, nel 2002, mio padre ricopriva tale funzione. Il giornalista non poteva di certo sapere che nel frattempo avessero organizzato un abile manovra per togliere il Comites.

    2) I festini del precedente ambasciatore sono cosa conosciuta da tutta la Tunisia, non c'è bisogno di scriverlo, il commento è stato cancellato perchè si confondevano atti di due ambasciatori precedenti. Chi ha rimosso il Comites è stato il second'ultimo, chi ha fatto i vari intrallazzi e festini è stato il precedente.

    3) Rischio denuncia. Bene, denunciate famiglia Nigro allora, dobbiamo parlare delle minacce di morte e tentata aggressione che abbiamo ricevuto noi famiglia Lo Iudice??

    RispondiElimina
  13. 4) Nessuno scappa, se mio padre è andato in Italia per motivi personali bisogna scriverlo sui giornali? La manifestazione si farà e le adesioni ci sono, stiamo cercando di organizzarla per far venire più gente possibile e non creando problemi di ordine pubblico, io ci tengo ad organizzare le cose per bene e la posticipazione della data è stata scritta con un commento all'interno del post in questione. Visto che sei un attento lettore avresti dovuto leggerlo il commento, ma vedo che sei attento solo per le cose che ti interessano e l'obbiettività l'hai lasciata in cantina.

    5) Le 50.000 visite sono pulite, e ho tre siti diversi che calcolano le visite, se vuoi sapere anche la media di quante persone singole si connetto al blog ogni giorno te la dico volentieri: 200 persone di media che generano un traffico di 550 visite.

    6) Da quando c'è il preside Minardo, gli atti di vandalismo e la disciplina degli alunni e calata drasticamente, per non parlare dei voti. Secondo studi di psicologia, di cui sto raccogliendo dati e creando un articolo appostito, le punizioni, i divieti e la politica del terrore con i ragazzi non funzionano, anzi l'atteggiamento di sfida aumenta. Ad oggi gli alunni nel tentativo di ritagliarsi uno spazio di libertà non vengono compresi e viene sistematicamente generata in loro una delusione che li convince ad abbandonare un'istituto repressivo che non li comprende. Tra l'altro il compito di una scuola all'estero non è solo di fornire un' adeguata istruzione e un' adeguata socializzazione con gli altri ragazzi ma anche quella di proteggere gli alunni dal distacco con la loro città e paese natale creando una sorta di piccolo paese all'interno del paese straniero. Fare il preside punendo tutti, tra l'altro in alcuni casi con evidenti disparità di trattamento in base al lavoro dei genitori, è cosa che può fare una qualunque persona, non serve neanche una qualifica come preside sinceramente. Creare un rapporto speciale con gli alunni, cercare di comprenderli e diventare un esempio anche per altre scuole é cosa da poche persone che in genere prendono appunto il nome di "presidi" per le loro indubitate qualita, è evidente che noi non ci troviamo in questo caso.

    7) A dire che ci sono 20.000 italiani non sono l'unico. Tra l'altro basta fare un calcolo banale per arrivarci: ci sono quasi 1000 aziende create e gestite da italiani, la media di italiani che vi lavorano, famiglia al seguito, tecnici, personale amministrativo e proprietà sono in media 6 = 6 per 1000 = 6000. Tra pensionati, adetti al turismo, persone che viaggiano ma hanno scelto come residenza la Tunisia e Italiani della vecchia comunità arriviamo ad altre 6000 persone. Funzionari, famiglie di funzionari, volontari e persone che hanno la residenza in Italia ma stanno di continuo qua in Tunisia ( quota maggiore secondo gli studi che ho fatto) si arriva a circa 20.000.

    E' evidente che il "bullone" di quartiere e uno che non si informa e gli piace restare nella sua ignoranza. Tra l'altro il problema grave è che crede di detenere la verità assoluta. In realtà il modo con cui argomenta le sue tesi non riuscirebbe a convincere neanche un pezzo di legno.

    Salutami il barbiere di Tunisi.

    RispondiElimina
  14. a supporto dei 7 punti dell'anonimo precedente vorrei aggiungere
    8)un post di paolino paperino in cui a gennaio negava con forza ciò che oggi conferma al punto 2 sull'eliminazione dei post. leggere per credere quanto paolino è falso e contradditorio.

    Leccaculi, festini, faccendieri?? non ho mai visto un commento del genere sul blog. Ho controllato anche nelle e-mail dove mi arrivano le conferme di pubblicazione, ma niente. Sei sicuro??
    03 febbraio 2011 10:23
    Paolo Lo Iudice ha detto...

    Se hai un dossier su festini e altre porcate che succedono in ambasciata inviamelo per e-mail e io pubblicherò tutto quanto.

    leccaculi, faccendieri, festini è il post di cui solo oggi paolino paperino afferma di aver eliminato.

    9) il famoso comitato di imprenditori italiani, dopo la magnata di pesce...tutto finito? disprezzo e parolacce ai rigurardi di quelli che hanno partecipato alla riunione a Hammamet ed il vostro di ben 12 persone!!! tutto game over?
    Ogni iniziativa promossa dalla glioiudice family è destinata a non sopravvivere una settimana dalla pubblicazione del blog!!!!
    Gli imprenditori riuniti ad Hammamet si stanno muovendo in forze ed hanno accerchiato i nulla facendti della camera di comemrcio!!! Perchè non parli di ciò? perchè tutti sanno gli intrallazzi di tuo padre con la camera!!!
    10) il conteggio dei 20.000 è fantasioso e non fatto su basi scientifiche ma per l'obiettivo di tuo padre che è la poltrona nel comitato degli italiani all'estero, ne servono 3000 ma regsitrati all'AIRE il resto è fuffa!!!!

    Paperino svegliaaaaaaaaaaaaaa e smettila di fare il politico o il jimmy ghione di Tunisi.

    UNA RISATA VI SEPPELLIRA'

    RispondiElimina
  15. PAUL TIENI DURO E NON FARTI INTIMORIRE....SAI CHE NON SEI SOLO NELLA LOTTA CONTRO IL POTERE E NELLA DIFESA DEI NOSTRI DIRITTI.

    C'ERO TRA I 12 IMPRENDITORI, CI SARO' NELLA MANIFESTAZIONE!!!

    QUANDO LA PROSSIMA RIUNIONE?

    RispondiElimina
  16. 8) Ho dovuto bloccare i post perché era impossibile continuare a seguirli tutti, anche perché impegnato a scrivere la mia tesi di laura non avevo tempo per rispondere, ci tengo particolarmente a rispondere in prima persona a chi ci segue e soprattutto ai tuoi punti fantasiosi.

    9) Sul comitato degli imprenditori stiamo continuando a lavorare, visto che qua in Tunisia funziona che ogni uno deve farsi strada da se visto che le istituzioni italiane non esistono. Non ci interessa di costruire associazioni inutili ne tanto meno risvegliare la camera di commercio che é nata marcia e morira marcia.

    10) Per l'ennesima volta ti ripeto che sto lavorando sul dimostrare che in Tunisia ci sono 20.000 italiani. Fino ad adesso ho trovato documenti che parlano della storia degli Italiani da fine ottocento al 1990. Nessuno vuole la poltrona nel comitato degli italiani, qui si tratta semplicemente di concedere agli italiani in Tunisia un diritto che gli spetta. Poi chi sarà eletto sarà eletto. Io differentemente da te l'ho studiata la politica e so quello che faccio.

    Non c'é bisogno di ridere, sei già seppellito...

    RispondiElimina
  17. Lo so di non essere solo, colgo l'occasione per ringraziare tutti coloro che mi sostengono. La riunione si farà molto probabilmente la settimana prossima, il giorno e l'orario lo stabiliremo a breve.

    RispondiElimina
  18. prima se ne occupava un semplice impiegato locale che ha sempre ben organizzato i punti stampa e le conferenze, ora è una diplomatica, si nota un vero salto di qualità!

    RispondiElimina
  19. Vedo con piacere che si ritorna ai "vecchi"mestieri e il "garzone" e il "barbiere" si eccitano ma il vizio di dire stronzate é sempre attuale. I miei spostamenti sono riportati con un pò di confusione.Prendere l'aereo che parte per Roma alle ore 8,05 e passare la dogana con soli 11 minuti d'anticipo é impossibile, quindi debbo dedurre che é l'ennesima fesseria del duo di Montemesola e il modo di ostentare le loro "conoscenze importanti" é in linea con il loro stile di vita. Oggi in Tunisia mi preoccuperei più di "pararmi il culo" visto quello che hanno sempre dichiarato e operato in favore del vecchio regime e la tessera del partito del RCD,di cui fieramente si vantava ( o millantava) il "barbiere" che non a caso si era rifugiato in ambasciata nei giorni "caldi" per poi farsi scortare in aereoporto per ritornare al "paesello". Comunque bisogna solo aspettare e avere fiducia in questo nuovo corso visto che c'é un inchiesta in corso verso coloro che erano compromessi con la famiglia ( leggi MLIKA)e altri soggetti. Vorrei anche suggerire a questi lungimiranti individui di crearsi un loro blog e di (farsi) scrivere cose interessanti per la nostra collettività, visto che sino a oggi hanno svolto un ruolo così importante in Tunisia,e farci capire la loro posizione per aiutarci a vivere in questo stupendo Paese.

    RispondiElimina
  20. conviene all'ambasciatore d'Italia insieme all' suo addetto stampa creare il proprio blog per rispondervi anzichè usare il giornale di finzi

    RispondiElimina
  21. Secondo me dovrebbero farlo. Non solo per rispondere alle nostre domande e perplessità sulla gestione della collettività italiana, ma anche per rispondere alle domande di tutti e mettere le proprie notizie. Sicuramente funzionerebbe meglio di qualsiasi call center.

    RispondiElimina
  22. Il Corriere di Tunisi é al soldo di chi paga. Basta pagare un pò di pubblicità e si può scrivere quello che si vuole.

    RispondiElimina
  23. anonimo che dici? il corriere di Tunisi, se non è stato accreditato sotto la visita del presidente del consiglio del ministro maroni, è perchè si sa bene che i finzi sono di sinistra e non sono mai stati leccacu.. di nessuno, tantomeno dell'ambasciatore e della stessa ambasciata.Pagare o fare pubblicità per pubblicare il proprio pensiero sul corriere, è una grossa stronzata, si vede che non conosci i finzi?

    RispondiElimina
  24. vai a leggere l'ultimo numero del Corriere del mese di aprile 2011 e vedrai che bell'articolo é stato pubblicato sulla scuola e l'ambasciatore con interventi di tutti i figli del comitato e degli amici.

    RispondiElimina
  25. per Anonimo: Il Corriere di Tunisi
    -non è un organo di stampa dell'Ambasciata;
    -non è "al soldo di chi paga";
    -non è un giornale di partito.
    Ha dato voce alla collettività italiana di Tunisia nella sua TOTALITA' negli anni passati ed in questo modo continua ad operare.
    Il giornale è aperto al dialogo ed al confronto costruttivo, per cui se ritiene opportuno si rivolga direttamente alla Redazione.

    RispondiElimina
  26. Concordo pienamente con la nostra amica Mafalda e il Corriere di Tunisi é un'istituzione che appartiene alla nostra collettività e come tale va difeso e sostenuto.

    RispondiElimina
  27. Scusate,ma perche' fate polemiche ,qui davanti a tutti esiste l'ambasciata e i suoi memri piu' importanti:benassi l'ambasciatore,c.v. palmese,l'addetto alla difesa,de riu....... saranno tutti ricchissimi e strapagati,ma il loro lavoro lo fanno !!

    RispondiElimina

Rimanete sempre aggiornati!!