Translate

lunedì 19 novembre 2012

Fercam entra nella logistica della Tunisia

La società altoatesina apre una filiale dotata di una propria piattaforma logistica a Rades, città portuale vicino a Tunisi, che potenzia la presenza di Fercam in Nord Africa, affiancandosi alla sede del Marocco operativa dal 2011. La nuova società tunisina è controllata in parti uguali da Fercam Italia e Fercam Spagna e con un terzo socio locale, quest'ultimo necessario perché la normativa del Paese nordafricano impone agli investitori esteri la partecipazione di una società nazionale. "Comunque, un partner locale è comunque voluto e molto utile in quanto permette di conoscere più velocemente gli usi e costumi locali, oltre che provvedere ai necessari contatti in loco", spiega Jano Ingallinera, responsabile Fercam dell'area, che prosegue: " Abbiamo scelto Tunisi, perché opera come piattaforma commerciale di transito per i traffici da e per i tre Paesi magrebini, ossia Tunisia, Algeria e Libia. Tramite i porti del Nord Tirreno, ma anche della Catalogna in Spagna, verranno convogliati i flussi di traffico e trasportate le merci con i nostri semirimorchi in navi ro-ro". La società è già operativa e offre servizi di trasporto a carico completo, ma anche di singoli colli o pallet, oltre a spedizioni aeree e marittime e gestione della logistica in loco per conto terzi, grazie ad una propria piattaforma. Oltre ai traffici dalla Tunisia per l'Europa, Fercam Tunisi offre trasporti da e verso i mercati della Libia e dell'Algeria. Con un valore dell'interscambio commerciale di 57,7 miliardi di euro nel 2011, l'Italia è il principale partner commerciale dell'Area Med, davanti alla Germania e alla Francia. Le previsioni di crescita per i prossimi anni sono positive e si attestano mediamente sul 4% annuo. "Crediamo molto in questa nuova attività", puntualizza Omar Akili, direttore di Fercam Tunisie. "I Paesi del Nord Africa, a seguito dei recenti sconvolgimenti politici, si stanno avvicinando all'Europa e nei prossimi decenni ci saranno forti sviluppi nell'interscambio di merce con i Paesi europei".


(trasportoeuropa.it)

Nessun commento:

Posta un commento

Rimanete sempre aggiornati!!