Translate

sabato 3 novembre 2012

Tunisia: arrestato imam che aveva incitato salafiti a jihad

È stato arrestato, nel primo pomeriggio, l'imam salafita Nasreddine Aloui, che, due giorni fa, nel corso di un talk show, aveva incitato alla jihad i giovani del movimento integralista. Lo riferisce il sito Business News. Contro il religioso, imam della moschea di Nour, di Douar Hicher, ieri mattina era stata aperta una inchiesta per incitamento all'odio. L'arresto di Aloui è stato disposto a poche ore dall'avvio dell'inchiesta da parte della procura generale del tribunale di Tunisi, reclamata a gran voce dalla società civile dopo che il religioso aveva chiamato i salafiti alla guerra santa ed a preparare il sudario prima di affrontare i "miscredenti". L'imam - rivolgendosi al ministro 'nadahouista' dell'interno Laraayedhm, che partecipava al talk show - aveva anche accusato Ennahdha, partito confessionale che guida la maggioranza di governo, d'essere ormai asservito agli Stati Uniti. Aloui aveva preso il posto, alla guida della moschea di Nour, roccaforte dei salafiti di Douar Hicher, dell'imam Aymen Amdouni, ucciso (insieme ad un altro salafita) nell'attacco compiuto contro una caserma della Guardia Nazionale. Ieri, dopo le polemiche scatenate dalla parole di Aloui, il ministero degli affari religiosi ha precisato di non avere mai autorizzato (per come resta nelle sue prerogative) la sua nomina a imam della moschea, facendo intendere che si è trattato di una decisione maturata in seno al movimento salafita e quindi non avallata dal governo.


ATS

Nessun commento:

Posta un commento

Rimanete sempre aggiornati!!