Translate

domenica 2 marzo 2014

Il mondo ha bisogno di un' ONU credibile

Nel momento in cui sto scrivendo questo articolo truppe dell'esercito Russo invadono l'Ucraina prendendosi la regione della Crimea, ricca di risorse minerarie. Questo territorio apparteneva precedentemente all' Unione Sovietica e dalla creazione della nuova repubblica Russia di fatto ne è rimasta sotto il suo controllo economico e militare. 

L'episodio di oggi appartiene al vecchio modo di fare politica dove gli interessi strategici di alcuni stati prevalgono su quelli di intere popolazioni. Anche se la Russia ha tutto il diritto di tutelare i suoi interessi economici in un territorio di fatto appartenente alla sua sfera di influenza, non può di certo invadere un territorio che appartiene ad un altro stato. In questo modo ha finito per violare il diritto internazionale e di fatto creare un precedente pericoloso nel già fragile sistema che attualmente cerca di non far precipitare il mondo in un nuovo generale devastante caos.

La domanda infatti che mi viene spontanea è la seguente? L'ONU è ancora in grado di garantire la pace nel mondo e di risolvere le problematiche più complesse come nel caso delle Siria e oggi dell'Ucraina? 
La risposta è evidentemente no, di fatto nessuno crede più nella sua capacità di far fronte ai pericoli che minacciano la stabilità politica nel mondo.

Secondo molti analisti il problema principale risiede nel fatto che il Consiglio di Sicurezza dell'ONU non è più un organo credibile. Come si può pensare ancora oggi, in un mondo composto da 196 stati sovrani, che solamente 5 stati hanno il potere di decidere per tutti. Ancora più sconfortante è il fatto che 2 di questi stati siano delle palesi dittature che cercano di dominare il mondo rispolverando la teoria della potenza ( Cina e Russia). Se non si vuol far trasformare il Consiglio in un organismo democratico almeno che si facciano delle modifiche per renderlo più efficiente. Un articolo potrebbe venir introdotto sul suo funzionamento, ad esempio in caso di conflitto o invasione dove una delle 5 potenze è coinvolta essa deve automaticamente venir esclusa dalla votazione sul come affrontare e risolvere il problema. Una soluzione ancor più radicale può essere l'abolizione completa del diritto di veto. 

Insomma per far la breve, se si vogliono evitare nuove catastrofi come in Siria (è stato ormai appurato che lo scontro ad oggi ha fatto centinaia di migliaia di vittime e costretto milioni di persone alla migrazione forzata) e una nuova possibile guerra civile in Ucraina bisogna modificare la carta delle nazioni unite. Non vi sono altre scelte altrimenti il rischio di una nuova guerra mondiale non potrà mai essere scongiurato del tutto. 

Paolo Lo Iudice



2 commenti:

  1. L'ONU non è mai stato credibile, è nato zoppo come la Società delle Nazioni...purtroppo!
    Ciò non toglie che sia un grandissimi progetto, non funzionante però. L'unico modo per garantire la pace e l'ordine è un Unione Europea unita politicamente, che possa competere economicamente con i nuoci giganti internazionali.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo anche l`Unione europea é nata zoppa, avremmo dovuto fare prima un`integrazione politico-militare e poi economica!!

    RispondiElimina

Rimanete sempre aggiornati!!